L’antitrust si è espresso per la liberalizzazione delle gare da Biliardo 5-9 birilli

Sembra oramai una svolta epocale quella che si sta prospettando in capo alla FIBIS.

No, nessun cambio di vertice, ma, ormai, non si fa che parlare di altro e non si fa che aspettare un annuncio tanto atteso, ovvero, quello riguardante la liberalizzazione delle gare e delle varie manifestazioni sportive di biliardo, in modo che tali manifestazioni possano essere organizzate dove e quando si voglia.

Potrebbe infatti cambiare il modo di organizzare le gare come oggi lo conosciamo. Potrebbe cambiare cioè il sistema delle varie autorizzazioni che la Federazione di Biliardo è tenuta a concedere per far sì che una certa manifestazione sportiva si possa svolgere, portando così, come qualcuno ha detto, alla fine del “Monopolio della federazione nella scelta delle sedi e luoghi di svolgimento delle varie gare“.

La questione non è recente ma è ormai da tempo che se ne discute. Molti sono gli organizzatori di gare che vorrebbero più libertà nel porre in essere una certa manifestazione sportiva.

A favore della liberalizzazione delle gare si è espresso anche l’ANTITRUST, organismo che si occupa in Italia della concorrenza e del mercato.

La questione è però ancora al vaglio degli interessati, visto che, nonostante ci sia già stata una sentenza riguardante ciò, il tema della liberalizzazione lascia ancora vari dubbi.

La Federazione ha però fatto sapere che si impegnerà per far sì che si possa applicare un regolamento inerente tale questione, ma, il tutto è ancora in forse visto che si è in una fase di stallo dalla quale si dovrebbe uscire per il bene del biliardo.